Infortunio sul lavoro: anche il committente deve vigilare sulla sicurezza

DiGiuseppe Calculli

Infortunio sul lavoro: anche il committente deve vigilare sulla sicurezza

Il coordinamento e la cooperazione tra committente ed appaltatore sono requisiti basilari  richiesti dal testo Unico sulla Sicurezza (T.U.S.).

Il committente è, infatti, obbligato a capire le capacità tecniche ed organizzative dell’appaltatore, a verificare se lo stesso sia in grado di offrire un contributo sufficiente ed idoneo ed in più a cooperare perché le condizioni di lavoro siano sicure per cui, nel caso di un infortunio occorso ad un lavoratore della ditta appaltatrice per carenza di misure di sicurezza, lo stesso non può che addebitarsi ad entrambi perché entrambi sono destinatari e garanti dell’obbligo di predisporre delle condizioni sicure di lavoro.

Tutto ciò riguarda un grave infortunio sul lavoro subito da un lavoratore alle dipendenze di una ditta subappaltatrice il quale, durante la rimozione di un solaio di un edificio, è precipitato al suolo, riportando gravissime lesioni. Il lavoratore è caduto infatti da una soletta di legno posta ad una altezza di circa 3,6 metri dal piano di camminamento sottostante e si è procurato un trauma cerebrale commotivo con ematoma sub aracnoideo bilaterale, emorragia interna, contusione del polmone, lussazione della mano sinistra con pericolo di vita, tanto da essere ricoverato lungamente in rianimazione riportando un indebolimento permanente della mano sinistra.

Nel processo di primo grado tenutosi davanti al Tribunale il titolare della ditta subappaltatrice datore di lavoro dell’infortunato ha patteggiato la sua posizione, il committente appaltatore è stato assolto mentre è stato condannato il coordinatore per la sicurezza.  Il Tribunale, infatti, ha ritenuto che il committente appaltatore avesse dotato il cantiere dei presidi di sicurezza necessari, mettendo il tutto a disposizione della ditta subappaltatrice e che il coordinatore della sicurezza non avesse invece vigilato sulla concreta adozione delle misure di sicurezza. Successivamente la Corte d’Appello, in accoglimento dell’impugnazione proposta dalla parte civile, ha ritenuto invece anche l’appaltatore responsabile delle lesioni riportate dal lavoratore infortunato ponendo in evidenza che lo stesso, nella qualità di committente dei lavori, non poteva appellarsi ad una generica diligenza nella scelta del soggetto al quale delegare lo svolgimento dell’opera né al fatto burocratico della nomina di un delegato alla sicurezza ed ha quindi condannato in solido i due imputati al risarcimento dei danni subiti dalla parte offesa da liquidarsi in separata sede assegnando una provvisionale immediatamente esecutiva di euro 200.000,00, oltre alla condanna sempre in solido per le spese processuali in favore della costituita parte civile.

Sia il coordinatore che il committente hanno fatto ricorso alla Corte di Cassazione. Il committente, in particolare, nel ricorrere ha censurato la motivazione della sentenza della Corte di Appello che aveva individuato la sua responsabilità non considerando che a disposizione del lavoratore infortunato erano stati messi tutti i mezzi antinfortunistici necessari e che era stato nominato un coordinatore della sicurezza il quale aveva dato precise istruzioni allo stesso sulle modalità di esecuzione dei lavori e sull’obbligo e sull’uso degli strumenti antinfortunistici esistenti nel cantiere. Il committente ha posto altresì in evidenza che la responsabilità dell’infortunio non poteva farsi risalire allo stesso considerata la presenza in cantiere di soggetti dotati nell’esecuzione dell’opera di piena autonomia quali erano certamente il coordinatore della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione delle opere, il direttore dei lavori nominato dallo stesso committente ed il datore di lavoro dell’infortunato che avrebbero dovuto essi stessi sovrintendere alla sicurezza del cantiere.

La Corte di Cassazione ha rigettato i ricorsi degli imputati per l’inammissibilità o l’infondatezza delle motivazioni addotte. Circa la posizione del committente la suprema Corte ha posto in evidenza che l’obbligo ricadente sul committente di salvaguardare la sicurezza sul luogo di lavoro si estende sino alla predisposizione di tutte le misure individuali (informazione e formazione) e collettive (organizzazione del lavoro) dirette a consentire uno svolgimento dell’attività lavorativa immune da rischi, vigilando a che il responsabile dei lavori e della sicurezza adempiano correttamente ai loro doveri”.

Nel caso in esame, ha sostenuto la Suprema Corte, le mancanze del subappaltatore erano talmente macroscopiche e visibili che l’appaltatore non poteva non accorgersene e che comunque era suo obbligo prima dell’inizio materiale dei lavori quello di verificare come il lavoro si sarebbe svolto e con la predisposizione di quali sicurezze per i lavoratori. Troppo macroscopiche, ha sostenuto ancora la Sez. IV, sono risultate le carenze di sicurezza legate, così come è emerso dalla  relazione del dipartimento della prevenzione e sicurezza nell’ambiente di lavoro, alle più elementari cautele antinfortunistiche.

Cassazione Penale Sezione IV – Sentenza n. 44846 del 21 dicembre 2010 (u. p. 3 novembre 2010) –  Pres. Marzano – Est. D’Isa– P.M. Iacoviello – Ric. C.P.G. e B.E.

Print Friendly, PDF & Email

Info sull'autore

Giuseppe Calculli author

Viale Michelangelo, 58 80129 Napoli Phone: (+39)0815580051 Fax: (+39)0815782815

2 Commenti finora

GilibertiPubblicato il4:15 pm - Lug 31, 2011

Migliorare i controlli sembra l’unica strada percorribile che può dare risultati nel medio lungo termine,solo facendo osservare le regole aumenta la consapevolezza dell’importanza del tema sicurezza sul lavoro,mi auguro che il governo si ponga in modo diverso rispetto a questa problematica.

Giuseppe CalculliPubblicato il4:27 pm - Lug 31, 2011

I controlli sono effettuati in azienda sempre dopo un infortunio, difficilmente le ASL si muovono se non dopo una denuncia.
E’ da tener presente che a tutt’oggi ancora non è stato trovato un accordo in sede Conferenza Stato-Regioni circa i corsi di aggiornamento sulla sicurezza e le modalità in cui svolgersi e soprattutto è stato rinviato tutto ciò che riguardava il controllo sugli apparecchi di sollevamento.

Commenta